Domenica 16 dicembre 2018

Suggerimenti in caso di ritrovamento di uccelli selvatici

Chiunque venga in possesso, in Provincia di Cuneo, di un uccello appartenente a fauna selvatica, in base alla Legge Regionale n. 70/96 "Norme sulla protezione della fauna selvatica omeoterma e per prelievo venatorio", articolo 33, in ottemperanza a quanto citato dalla Legge Nazionale 157/92, ne deve fare consegna entro 24 ore dal ritrovamento:

  • al Sindaco del Comune di ritrovamento dell'animale o al Sindaco del Comune di residenza, che provvederà al trasferimento dell'animale nel Centro recupero della Provincia di competenza;
  • alle Guardie Venatorie dell'Assessorato Caccia e Pesca della Provincia, tel. 0171.64539.

In alternativa, gli animali possono anche essere consegnati direttamente al CRAS di competenza territoriale (cfr Elenco dei CRAS in Piemonte). Per la Provincia di Cuneo si può far riferimento al CRAS di Racconigi per gli uccelli e al CRAS di Bernezzo per i mammiferi.

Per il trasporto degli uccelli, è opportuno che gli animali siano riposti in uno scatolone di cartone, dopo aver pratico dei fori sui lati per l'aerazione. Non è il caso di somministrare cibo, anche perchè l'animale stressato difficilmente si alimenta. Al limite è possibile somministare acqua e zucchero con una siringa senz'ago, prestando attenzione all'apertura del becco: la manovra corretta è di aprire il becco “a soffietto”, pizzicando la pelle sul becco con una mano e sotto il becco con l'altra mano; quindi, una seconda persona introdurrà l'estremità della siringa, avendo cura di appoggiare la punta verso il palato e quindi di premere lo stantuffo delicatamente.